5 Giugno 2020
Nuovo accordo di filiera per valorizzare la nocciola Piemonte IGP

La nocciola Piemonte IGP, tra i fiori all’occhiello del patrimonio agroalimentare Made in Cuneo, è protagonista del nuovo accordo firmato tra Corilanga e Life S.p.A., reso possibile grazie ad un’agroindustria come Life S.p.A. che crede nell’italianità e ad una cooperativa agricola quale Corilanga, nata in seno a Coldiretti proprio per valorizzare un prodotto di altissima qualità e totalmente tracciabile.
In questo contesto assume una fondamentale importanza la consulenza tecnica dello staff di Coldiretti che segue da vicino tutte le imprese nelle varie fasi di produzione.
Sono quasi 5.000 le aziende cuneesi che producono nocciole, metà delle quali – 85.000 quintali in totale – certificate IGP; è proprio nella Granda, specialmente nelle Langhe, con oltre 15.000 ettari dedicati, che si concentra buona parte della produzione piemontese di nocciole.
“Dall’agroindustria e dalla GDO che credono davvero nel territorio nascono accordi di filiera importanti come questo – commenta il Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo Roberto Moncalvo – che auspichiamo possano moltiplicarsi. Siamo in grado di offrire nuovi sbocchi economici ai nostri produttori e di garantire eccellente qualità ai consumatori oltre a dare un esempio concreto di trasparenza ed eticità. Purtroppo, proprio la nocciola, ingrediente principe di svariate preparazioni dolciarie, è spesso coltivata all’estero in condizioni lavorative di sfruttamento e una grande quantità viene importata anche in Italia. L’intesa sottoscritta evidenzia come, in questo caso, ci sia un reale interesse a tutelare il Made in Piemonte e a premiare gli imprenditori agricoli con una giusta remunerazione del prodotto sulla scia di una filosofia che si sposa con quella di Coldiretti per lo sviluppo economico ed occupazionale del Paese, ma anche per mantenere e valorizzare la distintività delle nostre produzioni d’eccellenza”.