13 Maggio 2020
Coronavirus: no alla TARI 2020 per agriturismi e imprese agricole

No alla tassa sui rifiuti 2020 per le aziende agricole e agrituristiche: lo chiedono ai Comuni Coldiretti e Terranostra Piemonte, che hanno anche scritto ai Presidenti regionali di UNCEM e ANCI, a seguito della grave crisi che ha colpito le imprese durante l’emergenza Coronavirus.
Per superare la crisi – spiega Coldiretti Cuneo – occorrono misure finanziarie in grado di sostenere la capacità economica e produttiva delle nostre imprese. L’agricoltura è storicamente il settore a maggiore resilienza, ma occorre sostenerla per affrontare la tempesta, attraverso interventi pubblici che consentano alle imprese di ripartire.
“Per questo – dichiara Roberto Moncalvo, Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo – abbiamo inviato una lettera a tutti i Comuni per chiedere l’annullamento o, almeno, una riduzione del pagamento della TARI visto che gli agriturismi hanno subìto, in conseguenza della crisi epidemiologica e dei provvedimenti atti a contenerla, un azzeramento della domanda e delle presenze, con un’evidente diminuzione della relativa produzione di rifiuti”.
“Importante che anche i Comuni aderiscano alla campagna #MangiaItaliano per dare impulso all’economia del nostro territorio, invitando i cittadini a consumare prodotti italiani, in particolare quelli locali, che assicurano qualità e salubrità”, evidenzia Moncalvo.
Attraverso la rete di Coldiretti Campagna Amica, i consumatori hanno modo di trovare, presso i punti vendita aziendali, i mercati o tramite il servizio della spesa a domicilio, un’ampia offerta di produzioni Made in Cuneo che rispettano la stagionalità e provengono da una filiera che ne garantisce l’origine.