12 Dicembre 2019
Biogas e digestato: grande risultato di Coldiretti

Via libera ad una rinnovata disciplina degli impianti di produzione di energia elettrica da biogas e di valorizzazione del digestato. Lo annuncia Coldiretti in riferimento all’approvazione dell’emendamento alla Legge di Bilancio che salvaguarda la continuità funzionale degli impianti di biogas già autorizzati e promuove l’utilizzo di sottoprodotti importati per la qualità dei suoli.

In particolare viene previsto il diritto di continuare ad usufruire di un incentivo sull’energia elettrica anche agli impianti alimentati a biogas entrati in esercizio entro il 31 dicembre 2007 che non abbiano avuto modo di riconvertire la produzione di biometano per effetto dei ritardi nella fase di approvazione e quindi di attuazione del DM 2 marzo 2018 di incentivazione del biometano.

“È un grande risultato di Coldiretti – commenta il Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo Roberto Moncalvo – che contribuisce al raggiungimento degli obiettivi europei in materia di economia circolare diretti a salvaguardare e a migliorare la sostenibilità dell’ambiente e a garantire un utilizzo efficiente e razionale delle risorse naturali”.

“Una misura importante per la Granda – aggiunge Moncalvo – dove la zootecnia riveste un ruolo fondamentale con 6.000 allevamenti, su un totale di circa 10.000 in Piemonte, e 18.000 addetti. Proprio nelle aziende di allevamento, infatti, il digestato viene equiparato alla sostanza fertilizzante e viene così evitato il blocco dell’utilizzo nel periodo invernale riducendo la dipendenza dai fertilizzanti chimici. Si torna così ad utilizzare la sostanza organica anche per contrastare la preoccupante desertificazione dei terreni”.