25 Settembre 2008
MECCANIZZAZIONE AGRICOLA ATTIVO IL BANDO PROVINCIALE

Attraverso la garanzia dell’AGRICOLFIDI Piemonte s.c. possibile ottenere il contributo Regionale in misura integrale

Varato dalla Regione Piemonte con la legge finanziaria regionale 2008 (L.R. n. 12/2008, articolo 10), il Programma di Meccanizzazione Agricola, dallo scorso 10 settembre (e fino al prossimo 10 novembre), è attivo anche sul territorio della provincia di Cuneo.
L’intervento prevede la possibilità, per le imprese agricole in possesso dei requisiti disposti dal D.Lgs. n. 99/04 (nonché iscritte presso il Registro delle imprese e che rispettino le norme in materia di previdenza agricola), di poter usufruire di un contributo finalizzato ad abbattere il costo di natura finanziaria derivante dalla stipula di un finanziamento bancario della durata di 5 anni.
L’agevolazione, attualmente quantificabile indicativamente in 2,99 punti percentuali (incrementata di un ulteriore punto per le aziende ubicate in zona montana), è riconosciuta in misura integrale qualora il soggetto beneficiario usufruisca di una garanzia concessa da un confidi; in caso contrario la stessa risulta ridotta di 0,60 punti. Al contempo per effetto della copertura fideiussoria, le imprese possono altresì usufruire di condizioni bancarie indicativamente migliorative rispetto alle ordinarie quotazioni in mercato.
In tal senso, attraverso l’AGRICOLFIDI Piemonte s.c., oltre alle citate agevolazioni, è possibile ottenere, per effetto delle risorse stanziate dall’Ente Camerale, un ulteriore contributo in conto interessi (attualmente pari a 1,5 punti percentuali annui), così da ulteriormente abbattere l’incidenza degli oneri finanziari. Il bando provinciale prevede, per ogni beneficiario, la possibilità di presentare non più di una domanda ed ha fissato in euro 125.000,00 la spesa massima ammissibile in presenza di imprese singole; limiti incrementati rispettivamente a euro 150.000,00 ed euro 250.000,00 qualora l’intervento sia richiesto da una società e, nel secondo caso, da una cooperativa agricola.
Gli investimenti agevolabili devono rispettare le disposizioni e le priorità stabilite dal Regolamento CE n. 1857/06, ovvero, in linea generale, deve trattarsi di beni nuovi (non è ammesso l’acquisto di macchinari/attrezzature usati), così come non sono ammissibili i semplici interventi di sostituzione e, soprattutto, l’acquisto potrà essere effettuato solo a seguito dell’accettazione, da parte dell’autorità competente, della domanda di concessione del contributo. Naturalmente trattandosi di un’agevolazione in conto interessi, il pagamento della fattura dovrà essere effettuato attraverso la stipula di un finanziamento di durata quinquennale (in tal senso le relative rate verranno calcolate al netto dell’agevolazione); sotto questo punto di vista, assume primaria importanza vagliare con attenzione, fin dalla fase iniziale, la scelta della banca d’appoggio e l’opportunità di richiedere la concessione della garanzia da parte dell’AGRICOLFIDI Piemonte s.c.